In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Iscriviti alla newsletter

Coloranti vegetali per uso Tessile

Arganetta

Radici di arganetta frantumate, si usano in acqua bollente per tingere tessuti, in alcool o alcool e olio per velature rosso vino adatte a impregnare il legno oppure in olio come base grassa per colorare preparazioni cosmetiche. Proprio questa caratteristica di colorare in... [continua]

Cartamo

Il fiore di cartamo è la matrice ideale per chi voglia cimentarsi con l'ABC della chimica delle sostanze naturali, grazie al diverso comportamento delle molecole coloranti idro e lipo-solubili contenute al suo interno. Infatti da questo fiore si può ottenere il... [continua]

Castagna - Estratto

Estratto di castagna, comunica ai substrati un bel marrone cacao. Particolarmente adatto per tingere fibre vegetali (canapa, lino, cotone, ortica). [continua]

Cocciniglia

Dallo scarlatto al cremisi. Questi i due colori che descrivono la lucentezza della tinta che questo colorante riesce a trasmettere a lana, seta o cotone. E' ottimo anche per acquerelli e in generale per qualsiasi base idrofila. Non si tratta dell'estratto idrosolubile, come... [continua]

Corredo estratti

Corredo di estratti coloranti per uso tintorio che comprende: Estratto di ResedaEstratto di IndigoferaEstratto di RobbiaEstratto di Legno campeggio Questi estratti coloranti hanno una concentrazione maggiore di colorante rispetto alle piante dalle quali sono ricavati e... [continua]

Edera

Contrariamente alle aspettative le foglie di edera comune sono capaci di tingere in grigio-verde le fibre con ottimi risultati. [continua]

Indaco

Indaco estratto da foglie della pianta dell'indigofera tinctoria. Si usa da sempre per tingere i tessuti, affascinando chiunque provi la profondità del blu che riesce a dare. Trova impiego anche nelle belle arti in miniature su carta o in generale nelle pittura a base... [continua]

Iperico

L'iperico è sicuramente più noto come erba officinale che come pianta colorante, ma la sua gamma di colori, dall'ocra ombrato di rosso al verde vi sorprenderà! Si può usare su tessuti o filati mordenzati oppure per fare il caratteristico olio rosso, ottimo si per le... [continua]

Legno campeggio

Il campeggio è un colorante  di largo impiego (tessile, inchiostri, alimenti) e molto potente, grazie l'alto contenuto di ematossilina presente nel legno di questo albero. E' anche versatile: si possono ottenere dei viola, dei lilla, dei blu scuro, finanche il... [continua]

Legno campeggio - Estratto

Estratto per uso tintorio, comunica alla fibra colori dal viola al grigio, a seconda della mordenzatura. [continua]

Legno del brasile

Il legno del brasile, noto anche come verzino, è tradizionalmente impiegato nella tintura di lana e seta, ma la facilità con la quale rilascia il suo colore (in acqua o in alcool), lo rende un colorante versatile in tutti gli impieghi a base acqua (riflessanti... [continua]

Mallo di noce

Il mallo essiccato della noce è un colorante versatile capace di tingere tessuti, legno, oppure i capelli. Allo stato fresco contiene un pigmento giallo (juglone) che però si ossida appena raccolto e si condensa con i tannini presenti nel vegetale per dare le... [continua]

Noci di galla

Le noci di galla sono la materia prima con la quale ottenere il celebre inchiostro "ferro-gallico", usato per secoli e ancora oggi punto di partenza per chi voglia cimentarsi nella realizzazione di un inchiostro naturale. Le galle sono una ricca fonte di tannino e si possono... [continua]

Reseda

Reseda raccolta con sfalcio molto alto per garantire un maggior quantitativo di fiori e foglie rispetto ai fusti, più poveri di sostanza colorante. Si usa per tingere tessuti o filati dando diverse tonalità di giallo, anche con riflessi verdi. Si può usare... [continua]

Reseda - Estratto

Estratto per uso tintorio, comunica alla fibra colori dal giallo al verde a seconda del mordente impiegato e del pH del bagno colore. L'estratto di reseda è molto igroscopico: conservare in ambiente asciutto vicino a dei sali deumidificanti. [continua]

Robbia - Estratto

Estratto per uso tintorio, comunica alla fibra colori dal rosso, al viola, al bruno, a seconda della mordenzatura. L'estratto è igroscopico: conservare in ambiente asciutto. [continua]

Robbia - Intera

Radici di robbia intere semi-fresche, da piante di 4 anni di età, lunghe circa 15/20 cm e larghe circa 0,3/1 cm. Sono richieste da chi applica la tecnica dell'eco-printing per decorare i propri tessuti o decorare fogli di carta. Le radici in immagine equivalgono a... [continua]

Robbia - Radici

Radici di robbia essiccate e tagliate in piccoli pezzi, danno il colorante rosso che ha fatto la storia della tintura naturale!  Si usa in acqua per tingere fibre vegetali quali il cotone, meglio se adottando il procedimento turco. Lana e seta si tingono con procedimento... [continua]

Sambuco

Le bacche di sambuco, ricche di antociani, tingono i tessuti di un bel lilla, ma attenzione: la tinta risultante è debole alla luce. Indicato invece l'uso come inchiostro o acquerello; le bacche fresche danno colori dal rosso al blu, quelle essiccate dal rosso vinaccia... [continua]