In questo sito utilizziamo cookies propri e di terze parti per migliorare la navigazione e poter offrire contenuti e messaggi pubblicitari personalizzati. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra (Informativa). Nelle impostazioni del tuo browser puoi modificare le opzioni di utilizzo dei cookie.

Iscriviti alla newsletter

Piante tintorie

Colorare con le piante tintorie richiede precisione, attenzione e perseveranza.


Sia che si tratti di tinture tessili, che di cosmetici o vernici, una molteplicità di fattori vanno tarati per ottenere un risultato soddisfacente: controllo del PH, delle temparature e dei tempi, per esempio.


Nelle schede delle piante tintorie di seguito elencate vengono fornite le caratteristiche biologiche e chimiche delle stesse come punto di partenza per un loro studio e utilizzo.

 

1) Rubia tinctorum L.